Cerca nel blog

venerdì 4 agosto 2017

GLOSSARIO PER PROGETTI FINANZIATI DALLA COMMISSIONE EUROPEA



Accordo di partenariato (consortium agreement o partnership agreement)
Contratto finalizzato a regolare i rapporti tra i partner coinvolti in un progetto cofinanziato dalla Commissione europea e il beneficiario della sovvenzione comunitaria. L’accordo nasce su iniziativa delle parti e non coinvolge l’autorità contraente (Commissione europea o un’Agenzia esecutiva).

Ammortamento dell’attrezzatura (depreciation of equipment)
Principio da adottare per l’acquisto dell’attrezzatura necessaria al progetto. Solo l’ammortamento avvenuto nel periodo di ammissibilità, definito nel Grant Agreement, è un costo diretto ammissibile, nella misura in cui tale attrezzatura viene usata specificatamente in relazione alle attività del progetto. Le regole di ammortamento da applicare sono quelle relative alla tassazione nazionale e alle regole di bilancio dell’organizzazione beneficiaria.

Audit finanziario
Revisione contabile di un progetto che ha beneficiato di una sovvenzione comunitaria. La Commissione europea, la Corte dei Conti delle Comunità europee o altri organismi incaricati possono, fino a cinque anni dal pagamento del saldo finale, effettuare una revisione contabile.

Beneficiario (beneficiary)
L’organizzazione giuridicamente responsabile dell’esecuzione di un progetto sovvenzionato dalla Commissione europea.

Budget ammissibile
Il bilancio previsionale di una proposta progettuale. Il budget si compone di due parti: i costi ammissibili stimati per il finanziamento UE e le entrate stimate (compreso il finanziamento richiesto). Il bilancio deve sempre essere equilibrato (per cui la spesa deve essere uguale alle entrate). Il bilancio deve essere presentato usando il modulo fornito dalla Commissione europea per la presentazione delle domande di sovvenzione.

Capacità finanziaria del candidato (financial capacity of the applicant)
Costituisce uno dei criteri di selezione per l’assegnazione delle sovvenzioni. La capacità finanziaria indica la capacità del beneficiario di sostenere la propria attività durante tutto il periodo dello svolgimento del progetto. Per permettere questa valutazione, il beneficiario deve compilare il Modulo di Capacità Finanziaria fornito dalla Commissione europea.

Capacità operativa (operational capacity)
Costituisce uno dei criteri di selezione per l’assegnazione delle sovvenzioni e serve a valutare le competenze professionali e organizzative del proponente.

Comitato guida (steering committee)
Comitato che esercita il controllo strategico sul progetto tramite riunioni periodiche nelle quali le persone responsabili della realizzazione del progetto ragguagliano il comitato sullo stato di avanzamento, sulle criticità emerse e sulle eventuali misure correttive da applicare.

Contratto di sovvenzione (grant agreement)
Il Grant Agreement elenca i termini e le condizioni che disciplinano la sovvenzione assegnata, ed entra in vigore alla firma delle due parti, ovvero il beneficiario e la Commissione europea o un’Agenzia Esecutiva.
Può essere modificato entro il periodo di ammissibilità dell’azione, previa l’autorizzazione della Commissione europea.

Contributo in natura (contribution in kind)
Qualsiasi contributo da parte di terzi il cui costo non è sostenuto né dal beneficiario, né dai partner. Può essere costituito da contributi sotto forma di capitali o di attrezzatura, materie prime, lavoro volontario non remunerato, personale di un’altra organizzazione (diversa da quella di partner o beneficiario). Di norma i contributi in natura non vengono considerati costi ammissibili.

Costi ammissibili (eligible costs)
Sono le spese necessarie, sostenute dal beneficiario e dai partner nella realizzazione del progetto. Le procedure interne di resoconto e revisione devono permettere la diretta constatazione della concordanza dei costi e delle entrate relativi all’azione intrapresa, corredati dalle dichiarazioni di resoconto e dalla documentazione di supporto.

Costi diretti (direct costs)
I costi diretti ammissibili sono quei costi direttamente collegati alla realizzazione del progetto o del programma di lavoro, e dunque vi possono essere direttamente ricondotti.

Costi indiretti (administrative/operating costs)
Sono costi ammissibili non identificabili come direttamente collegati alla realizzazione dell’azione, ma che vengono comunque sostenuti in relazione all’azione (possono includere ad esempio, costi per le utenze, costi di locazione, costi per le comunicazioni, costi di segreteria ecc.).

Criteri di ammissibilità (eligibility criteria)
I criteri di ammissibilità rappresentano i requisiti formali per la partecipazione ad un bando, sono indicati nell’invito a presentare proposte e vengono verificati durante la prima fase di selezione delle proposte presentate.

Criteri di assegnazione (award criteria)
I criteri di assegnazione costituiscono la base per valutare la qualità di ogni proposta in relazione agli obiettivi del programma di riferimento. Comprendono sia elementi di carattere qualitativo che quantitativo.

Criteri di esclusione (exclusion criteria)
Sono criteri di natura generale e si applicano a tutti i candidati ad ottenere un finanziamento dalla Commissione. I candidati devono certificare di rispettare le norme contenute negli Articoli 93(1), 94 e 96(2)(a) della Regolamento Finanziario.

Criteri di selezione (selection criteria)
Questi criteri costituiscono la base per valutare la capacità operativa e la capacità finanziaria delle organizzazioni candidate.

Destinatari (target group)
I soggetti che beneficiano di un intervento, un’azione, la realizzazione di un servizio previsto in un progetto comunitario.

Emendamento al contratto di sovvenzione (amendment to a grant agreement)
Un amendment è un atto giuridico che consente alle parti di modificare il contratto di sovvenzione in corso d’opera. Tale documento modifica uno o più termini del contratto di sovvenzione originario, generando nuovi diritti o doveri per il beneficiario della sovvenzione.

Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee (GUCE)
Documento ufficiale dell’Unione Europea sul quale vengono pubblicati gli atti legislativi e amministrativi delle Istituzioni comunitarie. La GUCE viene edita quotidianamente in tutte le lingue ufficiali dell’Unione Europea articolandosi in tre Serie:
1) serie Legislazione - GUCE L -, contenente i testi normativi adottati dalle istituzioni comunitarie;
2) serie Comunicazioni - GUCE C -, contenente le proposte normative della Commissione, i resoconti e le interrogazioni del Parlamento, i bandi di concorso;
3) serie Supplementi - GUCE S -, contenente i bandi di gara e gli appalti.

Indicatore (indicator)
Misura sintetica, quantitativa o qualitativa, in grado di fornire la rappresentazione di fenomeni e di riassumerne l’andamento. L’indicatore di realizzazione misura l’esito concreto dell’implementazione delle attività di un progetto. L’indicatore di risultato misura l’effetto diretto generato da un attività a seguito della sua realizzazione. L’indicatore di impatto misura gli effetti generati dal progetto sul medio-lungo termine.

Invito a presentare proposte (call for proposals)
Procedura per la distribuzione delle sovvenzioni disponibili su un determinato programma. L’invito specifica il budget; i criteri di ammissibilità, selezione e assegnazione; la documentazione da presentare; le condizioni del cofinanziamento; le condizioni per la presentazione di proposte; la data in cui è possibile dare avvio al progetto. I bandi sono pubblicati sui siti web della Commissione europea o delle Agenzie esecutive e sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE.

Mandato (mandate)
In base al Grant Agreement, il beneficiario ha la piena responsabilità dell’azione di fronte alla Commissione europea. Il mandato deve essere firmato da ogni partner del progetto per delegare il coordinatore ad agire in sua vece durante la realizzazione dell’azione. Il modello del mandato è fornito dalla Commissione europea e viene allegato al contratto di sovvenzione.

Modulo di identificazione finanziaria (financial identification form)
Modulo, fornito dalla Commissione europea, che il beneficiario deve compilare al fine di attribuire un conto bancario al contratto di sovvenzione. Tale modulo deve essere firmato dal titolare del conto e deve essere certificato dalla banca.

Modulo per la personalità giuridica (legal entity form)
Modulo fornito dalla Commissione europea che il beneficiario deve compilare al fine di rendere possibile l’identificazione della personalità giuridica, deve essere presentato insieme ai documenti di supporto (statuto, numero di registrazione/partita IVA).

Partner
Co-beneficiari e co-organizzatori di un progetto supportato dalla Commissione europea.

Partner associato (associated partner)
Un’organizzazione che partecipa alla realizzazione delle attività del progetto proposto in maniera limitata e collaterale. I costi sostenuti da un partner associato non sono ammissibili, se non sotto forma di rimborso spesa per viaggi e soggiorni pagati direttamente dal beneficiario.

Periodo di ammissibilità (eligibility period)
Il periodo in cui devono essere generati i costi ammissibili, ovvero i costi necessari alla realizzazione del progetto. Il periodo di ammissibilità è definito nel contratto di sovvenzione.

Prospettive finanziarie
Le prospettive finanziarie costituiscono l’inquadramento delle spese comunitarie su un periodo di più anni. Risultano da un accordo interistituzionale tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione e precisano l’ampiezza massima e la composizione delle spese comunitarie prevedibili. Le prospettive finanziarie non corrispondono a un bilancio pluriennale, in quanto la procedura di bilancio annuale resta indispensabile per stabilire l’ammontare effettivo delle spese e la ripartizione tra le varie linee di bilancio.

Revisione esterna (external audit)
Se la sovvenzione richiesta supera i 500.000 Euro è obbligatorio allegare alla candidatura una certificazione prodotta da un revisore contabile autorizzato. Questo deve includere revisioni certificate dell’ultimo anno finanziario disponibile (non anteriori a 18 mesi).

Sub-appalto (Sub-contracting)
Qualunque servizio e/o bene collegato al progetto che sia fornito da terzi che non siano il beneficiario o i partner. I costi diretti collegati alle attività sub-appaltate devono essere chiaramente indicati nel bilancio previsionale.

Valutazione ex ante
Valutazione effettuata prima dell’approvazione di progetto. L’obiettivo è di selezionare e scegliere fra soluzioni d’implementazione alternative.

Valutazione ex post
Valutazione effettuata dopo che è stato ultimato l’intervento. L’obiettivo è valutare se il progetto ha raggiunto gli obiettivi prefissati e con quali modalità, formulando soluzioni e raccomandazioni per futuri sviluppi del progetto.

Valutazione in itinere
Valutazione effettuata a medio termine, quando il progetto è ancora in corso, per verificare la presenza di eventuali deviazioni dal progetto originario ed eventualmente definire azioni correttive.


Fonte:

Enterprise Europe Network, Manuale operativo per l’accesso ai programmi europei a gestione diretta.


martedì 1 agosto 2017

ENEL CUORE ONLUS 2017: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO



Progetti finanziabili
Enel Cuore focalizza la propria azione verso ambiti specifici, quali l’infanzia e la terza età.

Beneficiari
Organizzazioni non profit che si occupano del benessere della persona e della famiglia, in particolare nella comunità in cui Enel è presente.

Procedura
Per presentare una idea progettuale che rientra nelle linee guida di Enel Cuore è necessario compilare il form sul Sito. Se la proposta è di interesse di Enel Cuore, l’Associazione viene contattata dallo staff per maggiori informazioni.

Il Bando è aperto tutto l'anno, nel senso che le richieste di contributo possono essere presentate durante tutto l'anno.

Per info:




lunedì 31 luglio 2017

I PRIMI ADEMPIMENTI PER AVVIARE UN’ATTIVITÀ





Per avviare un’attività autonoma di qualsiasi tipo occorre sapere che sono previsti per legge una serie di obblighi. Eccoli:

scegliere Codice Attività: in funzione del tipo d'attività che s'intende esercitare è necessario scegliere tra i codici attività previsti dalla normativa vigente. Se l'attività non è descritta in alcun codice, sarà necessario utilizzare un codice generico che più si avvicina alla tipologia d'attività. La scelta del codice avrà ripercussioni sulla gestione fiscale e previdenziale

scegliere Regime Fiscale: a secondo del fatturato annuo previsto si potranno scegliere specifici regimi fiscali dai quali potranno derivare diverse modalità di tenuta della contabilità (ad esempio quello per i Contribuenti Minimi che fatturano meno di 30mila Euro all'anno). L’Agenzia delle Entrate, inoltre, ha messo a disposizione un servizio gratuito di “Tutoraggio” a favore delle imprese che usufruiscono del regime fiscale agevolato per le nuove iniziative produttive (articolo 13 della Legge n.388/2000). L’assistenza si svolge, prevalentemente, attraverso collegamenti telematici tra il contribuente e il sistema informativo dell’Agenzia e, in tutti i casi in cui l’informazione richiesta non può essere trattata in maniera automatica, mediante rapporti diretti con l’ufficio o tramite la posta elettronica. Gli uffici locali aiutano i contribuenti negli adempimenti tributari e forniscono consulenza nelle materie relative all’applicazione del regime fiscale agevolato. Per ulteriori informazioni consultare il sito dell'Agenzia delle entrate

compilare Dichiarazione Inizio Attività: per la compilazione, ci si può rivolgere direttamente ai funzionari dell'Agenzia dell'Entrate (Lavoro Autonomo) o della Camera di Commercio (Attività Impresa). Se si ha bisogno anche di consigli, è necessario rivolgersi ad uno dei Centri di Assistenza Fiscale specializzati oppure ad un Commercialista abilitato. La scelta dipende soprattutto dal budget disponibile

aprire una Partita IVA: se il codice attività scelto rientra tra le Attività d'Impresa è necessario rivolgersi alla Camera di Commercio. Invece, se costituisce attività di lavoro autonomo bisogna rivolgersi all'Agenzia delle Entrate. L'apertura e la chiusura della Partita IVA sono gratuite

iscriversi all'INPS o ad un'altra Cassa Previdenziale: in funzione dell'attività svolta, bisognerà iscriversi ad una specifica forma di previdenza gestita dall'INPS oppure da altri enti previdenziali settoriali

iscriversi all’INAIL: iscrizione all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali presso la sede INAIL competente per territorio

segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) effettuata attraverso il sistema ComUnica, che comporta una verifica ex post dei documenti allegati.

Per info:




lunedì 24 luglio 2017

VIOLENZA DI GENERE: IL DIPARTIMENTO P.O. PUBBLICA IL NUOVO BANDO



È stato pubblicato sul sito internet del Dipartimento per le Pari Opportunità il nuovo bando di finanziamento dei progetti volti alla prevenzione e al contrasto alla violenza alle donne, anche in attuazione della convenzione di Istanbul.

Il bando permetterà di supportare attività di sensibilizzazioni rispetto a sei aree d’intervento: - donne migranti e rifugiate
- inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza
- supporto alle donne detenute che hanno subito violenza
- programmi di trattamento di uomini maltrattanti
- supporto e protezione delle donne sottoposte anche a violenza “economica”
- progetti di sensibilizzazione, prevenzione e educazione.

Il bando mira a creare una rete di interventi volta a contrastare e prevenire il fenomeno della violenza allargando quanto più possibile il raggio d’azione in attuazione di quanto previsto dal Piano d’azione straordinario contro la violenza di genere.

L'azione proposta dal bando risponde infatti all'esigenza di aumentare le azioni specifiche su tutto il territorio coinvolgendo tutti i soggetti che a vario titolo contribuiscono alla prevenzione e al contrasto del fenomeno.

Per info:



martedì 18 luglio 2017

NUMERO DI PUBBLICA UTILITÀ 1522 A SOSTEGNO DELLE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE E STALKING: AVVIO DELLA PROCEDURA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL CALL CENTER



È online l'Avviso per l’affidamento del numero di pubblica utilità 1522, a sostegno delle vittime di violenza di genere e stalking.

Con questo Avviso, il Dipartimento Pari Opportunità intende recepire le manifestazioni di interesse dei soggetti che vorranno concorrere per l’affidamento del sopracitato servizio.

A fronte dell’affidamento del servizio per la durata di 12 mesi, si conferma, quale base d'asta, il valore massimo di euro 475.000,00 (quattrocentosettantacinquemila/00) oltre IVA.

Per info:



lunedì 17 luglio 2017

CREATIVE BUSINESS CUP 2017


  
La Creative Business Cup è la competizione internazionale dedicata agli imprenditori operanti nel campo della creatività a forte impatto sociale. In ogni Paese, un host locale ospita la fase nazionale della competizione che decreta i migliori imprenditori dell’industria creativa locale. Nel 2016, la finale internazionale ha visto la partecipazione di oltre 60 Paesi partner.
Il vincitore dell’edizione nazionale partecipa alla finale internazionale, che quest’anno si terrà il 16 e 17 Novembre a Copenhagen. Durante l’evento internazionale, saranno premiati i migliori imprenditori di diverse categorie e viene assegnato il titolo di miglior imprenditore creativo.
Le opportunità offerte dalla Creative Business Cup riguardano, inoltre, le varie challenge di settore a cui possono partecipare tutte le start-up, anche quelle che non partecipano direttamente CBC: la partecipazione alle challenge consente di ottenere visibilità e un potenziale successo a livello internazionale poiché ci si confronta con una giuria di esperti del proprio settore.

I settori di riferimento sono:
Design, Architettura, Produzione di contenuti (es. gaming), Advertising, Libri e stampa, Musica, Film & Video, Artigianato, Radio & TV, Parchi di intrattenimento e scenografie, Gastronomia

OBIETTIVI
Supportare progetti e imprese creative con forte impatto sociale.
Rafforzare le qualità imprenditoriali degli imprenditori operanti nelle industrie creative. Promuovere la cultura imprenditoriale all’interno delle industrie creative.
Pubblicizzare i casi di successo e le best practices.

CHI PUÒ PARTECIPARE
Ogni persona, con una idea di business ed esperienza nel proprio settore, è idonea a partecipare alla Creative Business Cup. È necessario che il soggetto partecipante sia legalmente proprietario o autorizzato allo sfruttamento dell’idea di business con la quale partecipa alla competizione.

COSA SI VINCE I vincitori della competizione internazionale, che si svolgerà in Danimarca il prossimo mese di novembre, riceveranno premi in cash e servizi. Per l’edizione 2016 della Creative Business Cup, i premi messi in palio per la start-up prima classificata avevano un valore di oltre 30,000 euro. Per quanto riguarda l’edizione italiana, sono previsti premi speciali per i vincitori, messi in palio dagli sponsor e dai partner aderenti all’iniziativa

SCADENZA
Le domande devono essere presentate entro e non oltre il 15 agosto 2017 alle ore 24.00

Per info:



giovedì 13 luglio 2017

TRATTA E GRAVE SFRUTTAMENTO: PUBBLICATO IL NUOVO BANDO


È stato pubblicato, sul sito internet del Dipartimento per le Pari Opportunità, il nuovo bando di finanziamento dei progetti attuativi del Programma unico di emersione, assistenza e integrazione sociale delle vittime di tratta e grave sfruttamento.

L'azione proposta dal bando risponde all'esigenza di aumentare l’accoglienza protetta residenziale delle vittime, in considerazione del generale e costante aumento dei flussi immigratori irregolari.

Una particolare e specifica attenzione è rivolta inoltre alle vittime di grave sfruttamento lavorativo in base alla recente legge 199 del 2016 (c.d. legge sul “caporalato”).

Le proposte progettuali devono essere inviate entro e non oltre il 25 settembre 2017.

Per info:



martedì 11 luglio 2017

LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE


A circa tre anni dal lancio delle linee guida di Riforma Terzo Settore i provvedimenti attuativi giungono al traguardo.
Una riforma importante che riguarda più di 300.000 organizzazioni associative, cooperative e di volontariato e che coinvolge più di 6 milioni di cittadini che dedicano tempo all'impegno volontario.

La nuova normativa mette a disposizione del Terzo Settore risorse pari a 190 milioni che saranno investite in nuovi incentivi fiscali, nella nascita di un Fondo progetti innovativi, nello sviluppo del Social bonus, nel lancio dei Titoli di solidarietà, oltreché in un incremento della dotazione del Fondo per il Servizio Civile in modo da accrescere, anche per il 2018, i posti disponibili per i giovani che lo vogliono fare.

Un ruolo essenziale nella nuova regolazione sarà incentrato sul Registro Unico del Terzo Settore: uno strumento che sarà avviato, gestito e aggiornato dalle Regioni ma che utilizzerà un'unica piattaforma nazionale.
L'obiettivo è il superamento della frammentazione e dell'opacità dei troppi registri oggi esistenti: l'accesso al Fondo progetti, al cinque per mille, agli incentivi fiscali sarà possibile solo attraverso l'iscrizione al Registro.

Con il decreto sull'impresa sociale, l'Italia si dota di una normativa particolarmente innovativa: ampliamento dei campi di attività (commercio equo, alloggio sociale, nuovo credito, agricoltura sociale, ecc.); possibile, seppur parziale, distribuzione degli utili e soprattutto incentivi all'investimento di capitale per le nuove imprese sociali: il 30% dell'investimento potrà essere fiscalmente deducibile o detraibile analogamente a come avviene oggi per le startup innovative tecnologiche. Nel mese di luglio prenderà altresì avvio il Fondo di garanzia e per il credito agevolato dedicato proprio alle imprese sociali. Il Fondo ha una dotazione di 200 milioni.
Il Governo con questo provvedimento intende investire sull'innovazione sociale, in modo da rispondere a tanti i nuovi bisogni legati all'invecchiamento della popolazione, all'integrazione dei migranti, allo sviluppo della formazione permanente e all'inclusione dei cittadini più vulnerabili. 

Infine il cinque per mille. Il decreto porta a compimento la riforma strutturale iniziata con la Legge di Bilancio 2015, che ha attribuito risorse in modo stabile per 500 milioni all'anno. Ora si tratta di accelerare i tempi di erogazione, introdurre criteri innovativi nel riparto delle risorse e rendere del tutto trasparente l'utilizzo delle risorse da parte dei beneficiari.

Slide di riepilogo su Codice del Terzo Settore, impresa sociale e cinque per mille

Fonte:





mercoledì 5 luglio 2017

COMUNE ROMA: DUE BANDI DEDICATI PER VALORIZZARE IL TALENTO DEI GIOVANI





L’Assessorato Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi e il Dipartimento Sport e Politiche Giovanili propongono, nell’ambito del Piano Locale Giovani, approvato e cofinanziato dalla Regione Lazio e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù, e del Servizio Civile Nazionale, due bandi dedicati ai giovani.

Il primo è un concorso letterario, Pensieri e Parole, che si pone l’obiettivo di promuovere e far emergere giovani scrittori esordienti attraverso la selezione di dieci racconti sul tema Io, Roma e il mondo.

Il secondo, la Conferenza dei cervelli, mira a raccogliere le tesi di laurea e di dottorato già discusse, e ricerche già pubblicate negli anni 2015 e 2016, sui temi: Sport e disturbi del comportamento alimentare e Sport come strategia integrata nei problemi di socializzazione, integrazione e inclusione sociale.

Per entrambi i concorsi sono previsti dei contributi da utilizzare per la propria formazione nei settori di riferimento.

La partecipazione è libera e gratuita. La scadenza è fissata per il 29 settembre 2017.

Per info:

PREMIO ALTIERO SPINELLI PER LA SENSIBILIZZAZIONE: DIFFONDERE LE CONOSCENZE SULL'EUROPA





La Commissione europea ha indetto un concorso a livello UE per aggiudicarsi il "Premio Altiero Spinelli per la sensibilizzazione: diffondere le conoscenze sull'Europa".

Il premio sarà attribuito a contributi eccellenti che comunicano i valori fondanti, la storia, le azioni e i principali benefici dell'UE per i cittadini.

Sono ammessi a partecipare, ad esempio, studiosi, ricercatori, scienziati, scrittori, giornalisti e artisti che possono contribuire a esprimere che cosa rappresenta oggi l'Europa e cosa rappresenterà in futuro.

Sono in palio sei primi premi da 50.000 euro, sei secondi premi da 30.000 euro e dieci terzi premi da 17.000 euro.

Per info:


lunedì 3 luglio 2017

COMUNE ROMA: BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DI SERVIZI DI INTERVENTO PER PERSONE CHE SI PROSTITUISCONO E DI UNO SPORTELLO DI CONSULENZA


Il Comune di Roma, Dipartimento politiche Sociali promuove, con una procedura di gara aperta, un servizio di contatto volto a individuare, sostenere e aiutare persone che si prostituiscono, sia sotto il profilo della tutela dei diritti fondamentali, sia per segnalare ad altri servizi l’avvio di percorsi di assistenza, protezione, regolarizzazione e inserimento sociale per persone prostituite, vittime di traffico di esseri  umani a scopo di sfruttamento sessuale.

I due servizi concorreranno alla realizzazione di uno sportello di consulenza per la prima accoglienza delle persone che, a seguito di contatto su strada, intenderanno rappresentare le proprie condizioni e problematiche.

Termine per il ricevimento delle offerte: entro le ore 12:00 del giorno 31/07/2017.

Per info: